Emergenza impollinatori

Il nostro futuro è nelle sue ali 

LA TUA DONAZIONE

Scegli l'importo
36
65
110
240
SCEGLI TU QUANTO DONARE
La quota minima di donazione è di 5€

Più del 40% delle specie di invertebrati che garantiscono l’impollinazione, cioè api selvatiche, farfalle, sirfidi e coleotteri, rischia di scomparire per sempre

 

Sono molti i fattori che minacciano la sopravvivenza degli impollinatori, ma il più letale è sicuramente rappresentato dall’uso dei pesticidi. Si tratta infatti di sostanze tossiche, persistenti e bioaccumulabili, cioè non smaltibili da nessun organismo vivente. Questi veleni non si limitano a colpire gli organismi bersaglio, ma impattano su interi ecosistemi e danneggiano anche la salute umana.

 

Secondo l'OMS ogni anno 26 milioni di persone vengono avvelenate dai pesticidi

 

Anche il cambiamento climatico fa la sua parte: influenza i sistemi biologici terrestri, anticipa la fioritura, la migrazione degli uccelli e la deposizione delle uova, sconvolgendo le attività di molte specie animali, tra cui proprio gli impollinatori. L’impollinazione garantisce il 35% della produzione globale di cibo. Due terzi della frutta e della verdura che consumiamo quotidianamente dipendono dall’impollinazione. 
 

La Commissione UE si è data degli obiettivi precisi: riduzione del 50% dell’uso dei pesticidi, incremento fino al 25% della superficie destinata al biologico, 10% delle aree agricole dedicate alla biodiversità. E poi è urgente affrontare il tema dei cambiamenti climatici: i governi devono lavorare per giungere ad una riduzione delle emissioni del 65% entro il 2030.

 

Per trasformare gli impegni in azioni concrete serve la pressione del maggior numero di persone.
Serve la tua voce, insieme alla nostra! 

Ti ricordiamo che tutte le donazioni a favore di WWF Italia sono detraibili.