La plastica che uccide

Aiutaci a fermare il killer dei mari

Dona ora 

22 chili di plastica hanno ucciso una giovane femmina di capodoglio e il feto che portava in grembo

Piatti monouso, un tubo corrugato usato per gli impianti elettrici, le comuni buste per la spesa, grovigli di lenze, sacchi condominiali, fino all’imballaggio di un detersivo con ancora riconoscibili marca e codice a barre e numerosi altri rifiuti abbandonati in mare: questi sono i killer della giovane esemplare. 

La plastica ritrovata nell’apparato digerente del cetaceo era praticamente intatto e la proporzione tra le dimensioni dell’animale e la plastica ingerita è particolarmente significativa. Quantità così voluminose, hanno osservato gli esperti, vengono solitamente ritrovate all’interno di animali più grandi dell’esemplare relativamente piccolo morto a Porto Cervo.

La plastica è il killer dei nostri mari: aiutaci a fermare l'emergenza!

Nel Mar Mediterraneo sono 134 specie vittime di ingestione di plastica, tra cui 60 specie di pesci, 3 specie di tartarughe marine, 9 specie di uccelli marini e 5 specie di mammiferi marini!

Scegli quanto donare

Importo
Dove andrà il tuo aiuto
15
Contribuisci a fornire ai volontari i kit con guanti e rastrello per la pulizia delle spiagge
36
Contribuisci a donare ai Centri di Recupero WWF strumenti chirurgici e medicine per curare le tartarughe marine
60
Ci aiuti a pulire i fondali dagli attrezzi di plastica per la pesca che uccidono ogni anno balene, tartarughe e uccelli marini
120
Contribuisci alle spese di mantenimento quotidiane di un Centro di Recupero WWF
Scegli tu quanto donare
La quota minima di donazione è di 15€