Brucia anche il Kilimangiaro

Dona ora e supporta le nostre azioni per difendere le foreste distrutte dagli incendi

LA TUA DONAZIONE

Dopo le foreste californiane, quelle dell’Alaska, l’Amazzonia e l’Australia, brucia anche il Kilimangiaro

Scegli l'importo
30
70
120
240
SCEGLI TU QUANTO DONARE
La quota minima di donazione è di 5€

Un incendio di vaste proporzioni sta divorando foreste e ambienti steppici del Kilimangiaro, a 3.700 metri, in una delle aree più preziose per la biodiversità del pianeta. 

Dopo le foreste californiane, quelle dell’Alaska, l’Amazzonia e l’Australia, l’incendio in Tanzania non è da ritenersi un evento unico e casuale ma una delle drammatiche conseguenze di una crisi globale, quella climatica, che esacerba la diffusione, la portata e gli effetti degli incendi.

"La perdita anche di un solo metro quadrato degli straordinari habitat che fanno del monte Kilimangiaro un ecosistema unico e prezioso è una gravissima perdita per la Tanzania e per tutto il pianeta."

Isabella Pratesi, Direttore Conservazione WWF Italia

COSA RISCHIAMO DI PERDERE

Il Parco nazionale del Kilimangiaro è molto ricco di specie: circa 2.500 le specie di piante, di cui 1.600 sui pendii meridionali e 900 all'interno della cintura forestale. 130 le specie di alberi con la maggiore diversità tra i 1.800 e i 2.000 metri. Ci sono anche 170 specie di arbusti, 140 specie di epifite, 100 liane e 140 pteridofite. Sono presenti 140 specie di mammiferi (87 forestali), tra cui 7 primati, 25 carnivori, 25 antilopi e 24 specie di pipistrelli e 179 di uccelli tra cui alcuni rari ed endemici. 

Con i suoi 6.000 metri il Kilimangiaro in Tanzania è la vetta più alta dell'Africa, che svetta solitaria dalla savana africana. La bellezza dei luoghi e la ricchezza di fauna e di flora hanno fatto si che nel  1973 venne creato il Parco Nazionale del Kilimangiaro, dichiarato Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1987.

 

Cosa faremo con la il tuo sostegno? 

Grazie ai fondi raccolti i nostri team che lavoreranno con le comunità locali per: 

  • Agire concretamente per fermare gli incendi; 
  • Supportare le comunità locali per difendere la foresta e i loro diritti; 
  • Lavorare, dove possibile, con i governi locali per fermare gli incendi e la deforestazione; 

 

Ti ricordiamo che tutte le donazioni a favore di WWF Italia sono detraibili.