La loro gabbia
ora è anche la tua.

FIRMA LA PETIZIONE

Il commercio illegale di animali selvatici uccide anche te. FERMALO ORA.

La drammatica violenza con cui si sta propagando la pandemia da COVID-19 ha reso ormai chiaro a tutti il legame tra malattie zoonotiche - quelle trasmesse dagli animali all'uomo – e il commercio di animali selvatici in mercati asiatici. 

Il 60% delle malattie infettive emergenti sono trasmesse all’uomo da animali e fra queste più del  70% deriva da animali selvatici. Malattie pericolose come SARS, Ebola, Hiv e molte altre ancora, sono collegate al nostro crudele sfruttamento di animali selvatici.

In questi mercati animali selvatici, spesso in via d’estinzione, vengono commerciati vivi, l’uno vicino all’altro, macellati direttamente sul posto, oppure fatti a pezzi e venduti a peso.

Il tutto in condizioni igienico-sanitarie inesistenti e a stretto contatto con le persone che affollano ogni giorno questi luoghi. È a partire da questa drammatica promiscuità che i virus riescono a  passare da specie a specie e dagli animali all’uomo con un meccanismo chiamato spillover.

Sembra sia stato proprio questo il meccanismo con cui da un mercato cinese, a Wuhan,  si sia generata l’epidemia da coronavirus. Né la sofferenza degli animali trucidati, né l’impatto generato sulla nostra salute da questo brutale commercio, hanno convinto la maggior parte dei paesi asiatici a fermare la vendita di animali selvatici nei loro pericolosi mercati.

 

 

Firma la petizione e unisciti a noi

Insieme chiediamo all’Organizzazione Mondiale per la Sanità, a cui è affidato il compito di proteggerci da future pandemie, di avviare tutte le azioni necessarie affinché i mercati di animali selvatici, focolai di pericolose malattie, vengano definitivamente chiusi. 

 

I mercati di fauna selvatica sono una minaccia per la salute pubblica e un crimine contro la natura. 

 
 
COSA CHIEDIAMO ALL'ORGANIZZAZIONE MONDIALE PER LA SANITA': 
  • Che si faccia garante della nostra salute sollecitando i Governi alla chiusura dei mercati nei quali si commerciano animali selvatici, vivi o morti, dove viene messa a rischio la salute pubblica. 
  • Che solleciti i Governi del mondo affinchè riconoscano nel commercio illegale di fauna selvatica una pericolosa fonte di pandemie. 
  • Che contribuisca alla sensibilizzazione della società civile per fermare il consumo insostenibile di fauna selvatica.
 
Ma come oggi ognuno di noi, deve far sentire la sua voce per proteggere la natura e mettere in sicurezza quello che abbiamo di più prezioso: la salute. 
25336
Obiettivo: 100.000 firme

FIRMA LA PETIZIONE

I TUOI DATI
Firma la petizione